LASER

Laserterapia

depilazione laser, terapia laser, laser medicale
Acronimo di “Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation”, il laser è una tecnologia usata negli ambiti più diversi. Le caratteristiche che hanno consentito al laser di imporsi in settore impensabili fino a qualche tempo fa – basti pensare alla chirurgia e all'oftalmologia – sono 4: la direzionalità, la monocromaticità, la brillanza e la coerenza. Grazie a queste caratteristiche, attraverso il laser è possibile compiere interventi sempre meno invasivi senza danneggiare i tessuti circostanti.

Gli scopi della laserterapia applicata alla fisioterapia sono due: antidolorifico e antinfiammatorio.

Una precisazione: il raggio laser provoca una risposta biochimica sulla membrana cellulare e all'interno dei mitocondri, aumentando la temperatura della zona interessata, il metabolismo, il drenaggio linfatico e l'attivazione del microcircolo.
Mentre l'azione antidolorifica – attuata soprattutto su sportivi professionisti – è dovuta all'aumento della soglia della percezione delle terminazioni nervose e al rilascio di endorfina, l'effetto antinfiammatorio è legato all'aumento del flusso sanguigno nella zona.
Per completezza di informazione è importante sottolineare come la laserterapia applicata alla fisioterapia presenti, oltre che grandi vantaggi, anche dei limiti. Innanzitutto il laser serve a velocizzare una guarigione che avverrebbe in ogni caso (nel 75% dei casi) in tempi ovviamente più dilatati. Inoltre l'efficienza della laserterapia varia al variare della patologia: è massima nel caso in cui la zona da trattare sia ridotta ed è molto minore nel caso in cui la zona interessata sia estesa e profonda.

I fattori da cui dipende l'azione del laser sono 4:
  • caratteristiche del tessuto su cui si interviene;
  • lunghezza d'onda del laser;
  • densità di potenza sull'unità di superficie;
  • tempo di esposizione.
I laser sono infine classificati in base alla potenza. Con potenze attorno ai 500 mWatt, possono essere considerati soft-laser quelli a elio-neon o a diodo semiconduttore. Mentre power-laser sono quelli a neodimio YAG o a CO2 che, raggiungendo anche 6 W di potenza, devono essere manovrati molto rapidamente dal terapeuta per evitare di provocare danni.

La tecnica laser viene anche utilizzata per la rimozione di tatuaggi.
Share by: