Medicina estetica

La medicina estetica nasce dall’intuizione che l’uomo è sano quando è in armonia con le differenti fasi della vita, con il proprio inserimento sociale e ambientale. Le mutate condizioni di civiltà non consentono più di ignorare il crescente interesse accordato all’aspetto fisico ed all’equilibrio psichico, alla presentabilità sociale, all’armonia ambientale. La funzione della medicina estetica svolge un ruolo fondamentale nell'ambito della medicina sociale.

La medicina estetica mette in atto una collaborazione multidisciplinare avvalendosi di tutte le conoscenze delle scienze fondamentali, delle acquisizioni della medicina generale, della chirurgia e di alcune loro specializzazioni e degli apporti di numerose discipline umane.

Nella fase preventiva, che rappresenta l’aspetto fondamentale, i medici insegnano a "conoscere" ed "accettare" le strutture fisiche ereditate, per proteggerle e gestirle secondo le diverse regole: alimentare, fisica, psicologica, comportamentale e cosmetologica. Nella fase correttiva, il programma impiega metodologie e tecniche: mediche, fisiochinesiterapiche, termali, cosmetiche.

Si tratta di una disciplina medica che agisce a tutto campo in favore della qualità della vita, interpretando al meglio quello che l’O.M.S. sostiene da anni: "La salute deve essere considerata non come assenza di malattia, ma come benessere psicofisico".